Archive for May 8th, 2012

La paura torna sui mercati, lo S&P 500 sui minimi di due mesi

Risk off. Oggi le vendite riguardano sia l’azionario che le metarie prime, perdite marcate su tutta la linea con i listini sui minimi di almeno un mese.
L’oro sotto 1600 per la prima volta da gennaio, il prezzo del petrolio che ha sfondato i 96 dollari il barile – movimento che secondo gli analisti lo porterà’ velocemente sotto i 94 dollari..

E’ la risposta dei mercati finanziari alla confusione in Grecia – non c’e’ un Governo, si temono nuove elezioni e soprattutto si specula sull’uscita della Grecia dall’euro. Ieri Citigroup aveva dato l’uscita al 75%, oggi un gestore di un hedge fund parla di un’ uscita entro l’anno . Tante volte analisti e trader nei mesi passati avevano ipotizzato questo scenario, come sottolinea anche Mark Otto, Designated Market Maker per Knight Capital Americas. Uno scenario non così’ catastrofico se naturalmente l’uscita sarà gestita con ordine in modo da preparare le banche. Anche se si teme sempre l’effetto contagio. E’ vero anche che la Grecia ha bisogno di trovare soluzioni al più’ presto, due le scadenze importanti che incombono: i pagamenti dei bond il 15 di questo mese e tra trenta girni, sottolinea Mark.

Nelle prossime settimane quindi le notizie dalla Grecia domineranno sul mercato. Mark monitora con molta attenzione il Vix, oggi tornato intorno a quota 20, per vedere se ritornerà’ tra i 30 e i 40 che aveva toccato l’estate scorsa, quando il livello di panico era molto alto. L’euro sta subendo, 1.30 sarà’ la soglia psicologica, sfondata oggi. L’oro secondo Mark va considerato al momento come tutti gli altri asset, il panico porta gli investitori ad alleggerirsi di tutto, oro compreso.
Infine i livelli dello S&P 500 da monitorare secondo Mark: 1358 il livello abbandonato stamattina, prossimi supporti 1348 e 1343, le resistenze in caso di recupero 1358 e 1363.